Longiano. Telecamere e illuminazione pubblica, i progetti per la sicurezza

La sicurezza è stato il tema principale ieri sera al Consiglio di frazione di Longiano capoluogo. Il nuovo presidente Leonardo Orlandi ha indetto la sua prima assemblea, dopo il rinnovo dell’organo, con una buona partecipazione. Il sindaco Ermes Battistini ha fatto il punto dei progetti in dirittura di arrivo ed ha raccolto dai cittadini del centro storico varie segnalazioni di atti vandalici (macchine rigate, gomme bucate).

 

“È stata completata la gara per l’illuminazione pubblica. Entro marzo sarà presentato il progetto esecutivo da parte di Hera Luce, che si è aggiudicata il bando. Entro la fine dell’estate tutti i lavori previsti saranno realizzati, a partire dalla sostituzione di tutti i corpi illuminanti con nuove lampade a led ad alta efficienza”. I risparmi derivanti dalla nuova tecnologia consentiranno di riattivare alcuni punti luce spenti in passato.

Alla nuova illuminazione si lega il progetto di videosorveglianza. Battistini ha annunciato che le telecamere saranno 18 e monitoreranno i principali varchi di accesso e di uscita del paese. Alcune saranno “direzionali” mentre altre consentiranno riprese a 360 gradi. Una sarà installata nel Rio Parco di Budrio e una nel parco Madre Teresa di Calcutta di Longiano capoluogo. Quattro telecamere saranno dotate di targa system, per rilevare se le auto che transitano sono in regola o meno con i documenti.  Il progetto non prevede telecamere nel centro storico.

“Ci doteremo – ha aggiunto Battistini – di una telecamera mobile per prevenire atti vandalici o episodi di maleducazione come l’abbandono dei rifiuti fuori dai cassonetti”.

Le telecamere, installate ai lampioni, saranno collegate fra loro via wi-fi e i dati trasmessi a una centrale che sarà attivata presso l’ufficio di Polizia municipale. Il ripetitore del segnale sarà installato sul campanile della chiesa di Balignano.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com