LONGIANO. UN TUFFO NELLA STORIA CON IL RESTAURO DELL’EX FORNO

Ex forno al restauro in piazza San Girolamo a Longiano, e compare il Duce. Così nella tranquilla cittadina scoppia il dibattito.

La nuova amministrazione comunale deve decidere quale sia la nuova destinazione del locale comunale, ma durante la fase di restauro su una parete spunta un’immagine del volto di Benito Mussolini. Sui social impazzano i commenti, ironici e non, da parte dei cittadini, tra favorevoli e contrari al ripristino e alla conservazione, pretese in ogni caso dalla soprintendenza.

La cittadina ricorda la visita di Mussolini del 16 agosto 1936, quando si recò nel borgo e al castello. In quell’occasione egli lasciò disposizione che venissero effettuati lavori di riedificazione per alcune case degradate. Durante il Ventennio i locali in questione erano sede di un forno gestito dalla “società operaia”. Dopo il passaggio del fronte, l’attività venne proseguita da Natale Rocchi, simpatizzante del regime. Successivamente subentrò il figlio Pio e dopo tanti anni fu dismesso.

Probabilmente l’immagine, spuntata negli anni ’30, è stata coperta dopo il passaggio del fronte per non urtare partigiani e antifascisti. Adesso riappare dopo oltre 70 anni, e suscita ancora discussioni.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com