Maltempo: chiuse anche nella giornata di domani tutte le scuole di ogni ordine e grado situate nel territorio del Comune di Rimini

Saranno chiuse anche nella giornata di domani, mercoledì 28 febbraio, tutte le scuole di ogni ordine e grado e dei servizi educativi di nido d’infanzia situate nel territorio del Comune di Rimini.

E’ stato quanto deciso dall’Unità di intervento che sta monitorando l’evoluzione del meteo predisponendo l’attuazione delle diverse azioni programmate a seconda delle necessità.

“Una massa d’aria fredda di origine artica – comunica la Protezione civile regionale col nuovo bollettino delle 12 di oggi – insisterà ancora nella giornata di domani sul nostro territorio regionale determinando temperature medie giornaliere sulle zone di pianura comprese tra 0 e -4 gradi centigradi, mentre nelle restanti zone temperature medie giornaliere comprese tra -4 e -12 gradi centigradi. Gelate diffuse in particolare dove persiste l’accumulo di neve al suolo.” Temperature dunque capaci di favorire la formazione di ghiaccio specie in ore notturne col conseguente aumento del pericolo per la sicurezza della circolazione e l’incolumità delle persone.

Durante l’incontro dell’Unità di intervento presieduta dal Sindaco di Rimini Andrea Gnassi (presenti gli assessori Montini, Sadegholvaad, Morolli, Frisoni e i rappresentanti di Polizia municipale, Lavori pubblici, Istruzione, Protezione civile, Anthea, Hera, Start Romagna) dopo l’esame delle azioni in corso sono state poi definite quelle del rafforzamento mettendo in campo tutte le forze disponibili.

Accanto a quello dei grandi mezzi come gli spazzaneve, che stanno operando sulla grande viabilità prima di dedicarsi a quella minore, è infatti necessario intervenire su marciapiedi, area di fermata, accessi ai servizi pubblici, in primis scuole e luoghi sanitari come l’ospedale e i luoghi di cura. Interventi che possono essere in parte meccanizzati con l’uso di bobcat appositamente attrezzati con lame ma che spesso hanno necessità anche di un intervento anche manuale come sui marciapiedi. Per questo è necessario mettere sotto il coordinamento di Anthea, braccio operativo dell’Amministrazione comunale per l’attuazione del Piano neve, tutte le risorse umane e materiali disponibili così come è avvenuto nel corso dell’incontro che ha ripreso anche parte dell’esperienza maturata in occasione del nevone del 2012.

Insieme a quella istituzionale – sono 10 per turno le pattuglie della Polizia municipale attualmente impegnate sul territorio a cui si aggiunge il turno notturno per portare a H24 l’operatività del corpo – si sono così definite le forze straordinarie da mettere in campo. Già dal pomeriggio di oggi metterà così a disposizione le prime 6 unità che saliranno già domattina a 16. Attivati nel pomeriggio anche volontari della Protezione civile, che si sono distinti solo la settimana scorsa con l’ondata di pioggia, i volontari di Civivo chiamati al presidio delle proprie zone operative, le cooperative sociali che collaborano costantemente in partenariato con Anthea.

Stretto coordinamento anche con Start Romagna presente all’incontro, per coordinare tutte quelle azioni che possano rendere efficiente il trasporto pubblico locale soprattutto da e verso le zone periferiche collinari che neve e ghiaccio rendono difficili da raggiungere anche ai mezzi dotati di catene.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com