Pc personali, poca sicurezza, calo di produttività: cosa non funziona nella Pa dello smart working

Il coronavirus ha dato una ‘botta di crescità alla capacità di lavorare in remoto anche nella Pubblica amministrazione, ma non è tutto smart quel che si fa da casa. Anzi, ci sono significative lacune che rispondono alla mancanza di protocolli di sicurezza informatica e ai problemi di connessione.

A metter in evidenza queste problematiche è stata una indagine che Promo PA Fondazione ha diffuso in settimana: “La verità sullo smart working” ha intervistato 50 dirigenti apicali del settore pubblico, al fine di identificare luci, ombre e prospettive di quello che potrebbe essere il nuovo modus operandi nazionale anche post emergenza sanitaria.

RepDiritto a disconnettersi, orari e buoni pasto I nodi del lavoro da casa

Fonte originale: Leggi ora la fonte