Playoff e playout per salvare la stagione, ma dopo lo stop di Parigi vacilla il calcio mondiale

Ormai è il classico salvataggio in corner. In caso di impossibilità di chiudere i campionati secondo il format previsto, l’Uefa – adesso alle prese con i casi Champions di Psg e Lione, in teoria impegnati in Europa ad agosto la prima con i quarti di finale e la seconda col ritorno degli ottavi contro la Juve, mentre la Ligue 1 è chiusa – aveva suggerito alle federazioni e alle leghe nazionali di cambiare la formula con una più breve, aprendo a playoff e playout. Non è certo la soluzione più gradita alla Lega di Serie A, che vedrebbe rimessi in discussione i contratti televisivi. Al momento la discussione sulla soluzione di ripiego, per portare a termine la stagione italiana, è soltanto velatamente sul tavolo, a maggior ragione dopo lo stop francese. Il presidente della Lazio Lotito, intervistato da Repubblica, ha proposto la finalissima per lo scudetto con la Juventus. Le altre ipotesi, a seconda del numero delle date a disposizione, sono diverse: playoff a 8 (con regolare disputa delle due semifinali di ritorno Juve-Milan e Napoli-Inter e della finale di Coppa Italia, salvando così i diritti tv della Rai), a 6 oppure a 4. Pare difficile che Juventus e Lazio possano rimettere in discussione il margine di vantaggio consolidato, come del resto creerebbe caos la speculare ipotesi dei playout con formula a 4 (Brescia retrocesso, spareggi Spal-Sampdoria e Lecce-Genoa) e dei playoff per la promozione dalla B (Benevento in A, spareggi Crotone-Spezia e Frosinone-Pordenone). Nuove polemiche sarebbero certamente dietro l’angolo, così come il rischio di finire la stagione in tribunale.Calcio

Fonte originale: Leggi ora la fonte