Provincia di Rimini. “Security Breath”, territorio passato al setaccio dalla Polizia

“Security Breath” è il nome dell’operazione nazionale a cui ha partecipato anche la Polizia di Rimini dal 26 al 28 febbraio. L’attività ha coinvolto il Reparto Prevenzione Crimine di Bologna, unità cinofile antidroga, le volanti della Questura e il personale del Gabinetto di Polizia Scientifica, per un totale di oltre 70 donne e uomini della Polizia di Stato. Un controllo volto a contrastare i fenomeni di illegalità, degrado, irregolarità e marginalità sociale spesso segnalati anche dai cittadini con vari esposti.

Intensificati i controlli in diverse zone: la Stazione Ferroviaria, Borgo Marina, Miramare, Torre Pedrera e Bellariva a Rimini e la zona del Marano a Riccione; poi ancora presso gli edifici abbandonati come le colonie, le strutture alberghiere in disuso e le strutture residenziali. Sottoposti a controllo inoltre oltre 500 automezzi e identificate circa 700 persone.

Arrestato un 48enne straniero, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti all’interno della propria stanza in un residence: circa 350 gr. di hashish e oltre 15.000 Euro, anch’essi posto sotto sequestro. Denunciate altre 7 persone per reati relativi all’ingresso e alla permanenza sul territorio nazionale, tutti muniti di provvedimenti di espulsione dal territorio. Sono stati rinvenuti e sequestrati inoltre oltre 100 kg di rame contenuti in un borsone e 2 biciclette, provento di furto.