Romagna. Situazione meteorologica, qualche danno per la perturbazione atlantica di ieri sul territorio

La Romagna colpita ieri da una perturbazione atlantica pilotata da un intenso flusso di correnti nordoccidentali in quota che ha interessato le regioni centrali e l’arco alpino. Il Maestrale è soffiato intenso per tutta la giornata, con raffiche fino a 86.9 km/h. Raffiche anche sulla costa, con una punta massima di 72.4 km/h a Cesenatico.

I vigili del fuoco, a causa delle forte raffiche, fin dalla mattinata sono intervenuti in circa 20-30 situazioni di maggior emergenza in tutto il territorio, dalla costa di Cesenatico fino alle città e alle colline, mentre altre decine di richieste sono in fase di gestione. In gran parte si tratta di tronchi e grossi rami caduti in strada o su linee elettriche. Sull’Appennino cesenate, nella zona di Mercato Saraceno e Borello si sono concentrate anche delle intense grandinate, durate pochi minuti ma in grado di “imbiancare” il terreno.

Oggi il vento è debole dai quadranti sud-occidentali lungo i rilievi, con temporanei rinforzi su quelli orientali; deboli dai quadranti occidentali sulla pianura. Il cielo è sereno o poco nuvoloso per nubi alte e di scarsa consistenza, mentre dal pomeriggio è atteso un aumento della nuvolosità a partire dai rilievi e in estensione al resto del territorio.

Venerdì, invece, il cielo sarà molto nuvoloso con deboli precipitazioni sul crinale appenninico, che potranno estendersi al settore centro-orientale dal pomeriggio. I venti saranno inizialmente deboli variabili in pianura, tendenti a disporsi dai quadranti settentrionali ed in rotazione da ovest in serata. Soffieranno inoltre deboli-moderati con ulteriori locali rinforzi da sud-ovest sui rilievi al mattino; in attenuazione dalla seconda parte della giornata.
Carmela Vigliaroli
cvigliaroli@giornaledelrubicone.com