Rugby, i 70 giorni da volontario di Mbandà: “Ho trasportato più di cento pazienti, la sera piangevo”

“Sono stati i 70 giorni più impegnativi della mia vita. Ho trasportato più di 100 pazienti, fatto turni massacranti dove pranzavo alla sera, perché non potevo togliermi quella tuta per non rischiare di contagiarmi finché non venivo sanificato. Mi sono fatto una promessa prima di entrare per la prima volta su un’ambulanza e ho cercato di rispettarla”. Maxime Mbandà, 27enne terza linea delle Zebre e della Nazionale, è tornato ad allenarsi alla Cittadella di Parma ma la sua esperienza da volontario della Croce Gialla durante l’emergenza coronavirus l’ha segnato.
Rugby, i 70 giorni da volontario di Mbandà: "Ho trasportato più di cento pazienti, la sera piangevo"

Fonte originale: Leggi ora la fonte