SAN MAURO PASCOLI. NUOVI ORIZZONTI PER LA “VICINI CALZATURE”

La produzione è rigorosamente “made in Romagna”. I dipendenti dell’azienda sono 780, presenti nei due stabilimenti romagnoli: quello di San Mauro, dove si trova il quartier generale ed è in corso l’ampliamento, e quello di Misano Adriatico. È qui che sono prodotte scarpe da uomo, da donna e da bimbo (l’abbigliamento in pelle è affidato a contoterzisti) destinate a soddisfare una domanda che proviene da quasi ogni parte del mondo.

E ora Giuseppe Zanotti, a capo della celebre griffe della moda calzaturiera,  punta i riflettori sull’Asia e sul mercato del Pacifico. L’obiettivo è quello di arrivare a quota 115 negozi monomarca entro il prossimo anno (oggi sono 105). Nuove aperture sono previste in Cina, Corea del Sud, Singapore, Vietnam, Australia, e nuovi store a Berlino, Roma e nel Bicester Village in Inghilterra nell’outlet più grande d’Europa.

Una scelta che conferma la vocazione all’export dell’azienda guidata dallo stilista sammaurese tanto che oggi il 93% del fatturato arriva da lì. Il primo mercato resta quello degli Stati Uniti, storico bacino commerciale che vale da solo il 23% dei ricavi totali, dove l’azienda è presente con 11 negozi monomarca e corner nelle più importanti catene della grande distribuzione organizzata di fascia alta. Seguono i Paesi dell’Europa Occidentale, che rappresentano circa il 35% del fatturato, la Cina e Macao. Il peso della Russia, che resta uno sbocco importante, è stato ridimensionato dalla crisi del rublo e dall’embargo. Insieme al resto dell’Est Europa oggi vale il 7% dei ricavi complessivi.

 

Carmela Vigliaroli