San Mauro Pascoli. Tempo Libro 22: libri, documentari e autori che omaggiano la nostra terra

Torna “Tempo Libro” la rassegna dedicata agli incontri con gli autori locali che si svolge nella Biblioteca Comunale di San Mauro Pascoli, realizzata dall’assessorato alla cultura in collaborazione con Sammauroindustria. Importante novità di questa che sarà la ventiduesima edizione, la sezione Tempo Film: una serata in cui la rassegna apre al documentario, per far spazio alle immagini, oltre alle parole e ai libri. Una serata delle cinque in programma sarà
quindi dedicata a documentari, mantenendo il legame con il locale, con il territorio, con la terra. La terra infatti, intesa come territorio, paese, radici, luogo dove nascono storie e racconti, è il filo conduttore di Tempo Libro 22.

Il primo appuntamento è giovedì 9 novembre alle ore 21,00 con il libro scritto da Caterina Tisselli e Raffaello Dellamotta, “Il Mare di San Mauro. Storie e racconti della nostra gente” (Il Ponte Vecchio, 2017), che raccoglie la storia degli abitanti di San Mauro Mare, del loro esordio nel paese nei primi anni del 1800, arricchito da diverse testimonianze e racconti della gente locale.
Alla presentazione del libro saranno presenti, oltre agli autori, il Sindaco di San Mauro Pascoli, Luciana Garbuglia ed il giornalista e autore della prefazione Ermanno Pasolini che condurrà la serata. «Il mare di San Mauro” – commentano Caterina e Raffaello – rappresenta un pezzetto della nostra storia locale e dei suoi abitanti, degli aneddoti e le chiacchiere della nostra gente, creato dalle vostre riflessioni con immagini fotografiche in bianconero, vuole rendere partecipe tutta la comunità del vostro essere tra noi, è una testimonianza concreta di come tra la gramigna il fiore riesce a vivere, lottare e vincere, in ogni anelito di vita nonostante il trascorrere del tempo. Un libro
con la nostra storia: la storia delle persone che hanno vissuto, gioito e sofferto a San Mauro Mare: “Il mare di San Mauro” ».

Giovedì 16 novembre, sempre alle ore 21,00, Gianfranco Miro Gori presenterà il libro di Werther Vincenzi “La mi téra” (Ponte Vecchio, 2017), alla presenza naturalmente dell’autore.
L’opera, un libro in cui pittura e fotografia si mescolano, è un atto d’amore per la propria terra, per le proprie origini, attraverso scatti che chiunque al primo sguardo può definire pittorici. Un documento a futura memoria, «Un viaggio in quel lembo di Romagna che s’adagia attorno al Rubicone. – spiega nella prefazione Miro Gori – Fatto da uno che in questi posti ci è nato e cresciuto. Che non si preoccupa della fedeltà ma mira a restituire un paesaggio dell’anima».

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com