“Senza decenza, salta la fila”. Bufera sul vaccino di De Luca

Nel giorno simbolico di partenza delle vaccinazioni in tutta Europa in Italia è esplosa la polemica. Vincenzo De Luca è stato il primo politico italiano a ricevere la dose ma in questa prima fase il protocollo prevede che il vaccino venga somministrato esclusivamente al personale sanitario e medico degli ospedali e ai soggetti che rientrano tra le categorie a maggior rischio, come gli ospiti delle case di riposo. Quindi perché a Vincenzo De Luca è stata somministrata una delle prime 720 dosi che sono state assegnate alla Campania? Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, innesca la polemica.

Trovo davvero inqualificabile e indegno l’abuso di potere del presidente De Luca che approfitta del suo ruolo istituzionale per vaccinarsi quando il vaccino, nelle prime settimane, deve essere destinato esclusivamente, considerate le pochissime quantità disponibili, a medici, infermieri, operatori sanitari ed anziani“, ha commentato il sindaco di Napoli, evidentemente alterato per la situazione e il precedente che si sono venuti a creare in Campania. “Si dovrebbe vergognare e chiedere scusa!“, ha proseguito De Magistris. La condanna arriva anche da Matteo Salvini: “De Luca salta la fila e toglie il vaccino a qualcuno che ne aveva più bisogno“.



Fonte originale: Leggi ora la fonte