SICUREZZA STAZIONE. LA LEGA REPLICA ALLA GIUNTA: TUTTE CHIACCHIERE. ENNESIMA RIPROVA IL GRAVE PESTAGGIO SUBITO DALL’AUTISTA DI START

v\:* {behavior:url(#default#VML);}
o\:* {behavior:url(#default#VML);}
w\:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}


SICUREZZA STAZIONE. LA LEGA REPLICA ALLA GIUNTA: TUTTE CHIACCHIERE. ENNESIMA RIPROVA IL GRAVE PESTAGGIO SUBITO DALL’AUTISTA DI START

 

Cesena, 6 agosto. “Tutte chiacchiere per coprire il nulla di fatto per la sicurezza nell’area stazione. La Giunta continua a sbandierare sui media sempre le stesse iniziative, per altro del tutto inutili visti i risultati. Abbiamo una certezza: per migliorare la sicurezza in quella zona della città non servono né le cosiddette opere di street art (banali murales), nè le ‘mediazioni culturali’, compreso il presidio aggregativo sociale ‘Ciacarè’, costati decine di migliaia di euro. E forse non bastano neppure nuovi interventi per più illuminazione e più videosorveglianza, che, il primo agosto, il sindaco Enzo Lattuca ha dichiarato alla stampa essere già stati realizzati, senza tuttavia entrare nello specifico. L’episodio di grave violenza subito da un autista di Start Romagna il giorno dopo le dichiarazioni di Lattuca sta lì a dimostrare l’inadeguatezza della Giunta e la sua estraneità alla realtà quotidiana”.

Così in una nota i consiglieri del Gruppo Lega Fabio Biguzzi e Enrico Sirotti Gaudenzi.

“Oltre a inviare all’autista la nostra totale solidarietà, teniamo a evidenziare che anche sindacati di categoria, commentando l’episodio, confermano che alcune zone della città in certi orari diventano terra di nessuno. Noi lo diciamo da anni, in tutti i modi possibili. Abbiamo proposto alla Giunta iniziative concrete, rifiutate sdegnosamente. La ragione è semplice: Pd e alleati non sono in grado di affrontare il tema sicurezza a livello nazionale, figuriamoci a livello locale. I loro limiti ideologici sono troppo radicati. Quando poi la sicurezza si intreccia con il fenomeno immigratorio tutta la sinistra, da qualunque cultura politica provenga, mostra un’incapacità strutturale a misurarsi con la realtà. Nel caso dell’autista colpito, non ci sembra di aver letto messaggi di vicinanza da parte di partiti e associazioni. Pensiamo solo per un attimo se le parti fossero state invertite. Apriti cielo. Questo per dire che chiudere gli occhi di fronte ai nuovi ‘bronx’ che anche a Cesena si stanno purtroppo creando non aiuta né la cittadinanza, né la convivenza civile che appare sempre più difficile senza regole, né controlli”.

 

La segreteria.