Sito Inps in tilt l’1 aprile, Garante della Privacy: “Gravi violazioni: entro 15 giorni l’istituto avverta le famiglie. Rischia fino a 20 milioni di multa”

ROMA – Primo aprile 2020. Caos sul sito Inps: milioni di italiani si affollano per richiedere l’indennità di 600 euro. Il portale va in tilt, la sua operatività sospesa per tre ore. Nel frattempo decine – si scopre ora, centinaia – di profili di utenti divengono di pubblico dominio: non solo di altri utenti che entrano col loro Pin per fare la domanda e si trovano davanti nomi di estranei.
RepAssalto al sito Inps per i bonus. Errori e dati personali rivelati. Poi salta il sistema informatico

Fonte originale: Leggi ora la fonte