Touring Club Italiano entra in Google Arts & Culture

Touring Club Italiano è entrato a far parte di Google Arts & Culture, la piattaforma tecnologica sviluppata da Google per promuovere e preservare la cultura online, nel 2018 con una Collezione digitale di oltre 5000 opere.

La prima fase dei lavori ha portato alla digitalizzazione di 5.000 cartoline dalla collezione storica del Touring Club Italiano, comprendente 30.000 esemplari in totale. “Viaggiate” e quindi spedite o meno, con al retro veloci saluti e pensieri oppure intonse, le cartoline sono un materiale d’archivio affascinante, un ricordo di viaggio da scegliere con attenzione fra i tanti soggetti disponibili perché a quella sola immagine formato 10×15 è affidato il compito di conservare tutta l’esperienza del viaggio o dell’estate. Questo primo lotto di digitalizzazioni è stato incentrato sulla sezione “Italia” della nostra collezione di cartoline storiche, con l’obiettivo di portare online una selezione rappresentativa di tutte le regioni di Italia, fra arte, monumenti, vedute e particolari.

Nella sezione di Google Cultural Institute dedicata al Touring Club Italiano è presente la mostra digitale “L’Archivio Storico del Touring Club Italiano”, un percorso immersivo lanciato in occasione dell’International Museum Day per presentare al pubblico l’Archivio del Touring, con tutti i materiali conservati, e l’affascinante storia di un’associazione non profit che, dal 1894, ha segnato la storia del turismo in Italia. Questa storia viene raccontata nella mostra digitale proprio grazie all’Archivio, che ne conserva le tracce e che permette a questo passato glorioso di essere l’identità che ancora oggi guida tutte le attività del Touring Club Italiano.  Molte, infatti, in archivio le tracce di memoria di soci e dipendenti, dalle tessere associative di inizio Novecento alle fotografie scattate in occasione delle prime attività organizzate dal TCI per i soci alle fotografie che ritraggono cartografi, redattori, collaboratori all’opera per realizzare i prodotti editoriali con cui partire alla scoperta dell’Italia.


Fonte originale: Leggi ora la fonte