Un’estate silenziosa senza live

(di Claudia Fascia) (ANSA) – ROMA, 18 MAG – Quella alle porte, passerà alla storia come l’estate più silenziosa che si sia mai vissuto. Il coronavirus mette il bavaglio alla musica, ai grandi eventi live che da tradizione animano le calde estati italiane. Niente concerti negli stadi, niente festival rock o jazz, niente eventi celebrativi: sfumato tutto il calendario 2020 da giugno a settembre.
    Niente concerti di Claudio Baglioni alle Terme di Caracalla, fermo Andrea Bocelli, stop ai tour di Tiziano Ferro, Ultimo, Cesare Cremonini. E dall’estero non arriveranno i Pearl Jam, Billie Eilish, Deep Purple, Green Day, Red Hot Chili Peppers.
    Troppo strette le maglie previste dalle disposizioni del governo, che vietano gli assembramenti per contrastare la diffusione del coronavirus. Niente spettacoli senza posto a sedere preassegnato a una distanza di almeno un metro, con capienza massima di mille spettatori all’aperto e duecento per i luoghi chiusi.
    E così, non resta che dare appuntamento direttamente al 2021, come annuncia Assomusica. Si tratta, spiega l’associazione, di “una decisione condivisa dalla gran parte dei produttori e organizzatori di spettacoli di musica dal vivo, che fanno sentire unita la loro voce”.
    Tra i tanti appuntamenti attesi, saltano un giro il Roma Summer Fest, Rock in Roma, Lucca Sumer Festival (che deve dire addio a Paul McCartney per l’impossibilità di riprogrammare la sua presenza), Milano Summer Festival, Collisioni, Umbria Jazz, Pistoia Blues, I-Days, Firenze Rocks, tutti con i loro fitti calendari.
    Niente da fare per il primo tour negli stadi di Ultimo, per quello di Tiziano Ferro e di Cesare Cremonini, rimandati alla prossima estate. Devono dare appuntamento fra un anno anche Vasco Rossi, Claudio Baglioni, Andrea Bocelli, Gianna Nannini, Niccolò Fabi, Francesco De Gregori, Willie Peyote.
    In stand-by (in attesa di sapere se e quando verranno riprogrammati) gli eventi previsti a settembre: il live all’Olimpico di De Gregori e Venditti, la residency di Zucchero all’Arena di Verona come quella di Biagio Antonacci al Teatro Carcano di Milano, i festeggiamenti per i 30 anni di carriera di Ligabue alla RCF Arena Reggio Emilia (Campovolo), dove era atteso anche Una. Nessuna. Centomila con Fiorella Mannoia, Emma, Elisa, Nannini, Giorgia, Alessandra Amoroso, Laura Pausini.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte