Unione Rubicone e Mare. Operatore socio-sanitario denunciato per furto e rapina

I militari del dipendente Nucleo Operativo di Cesenatico, al termine di articolata e prolungata attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà per i reati di tentata estorsione, incendio doloso e minaccia aggravata L.G., italiano, cinquantacinquenne, originario del veneziano, residente nel riminese, celibe, operatore socio-sanitario, con precedenti (risalenti ad alcune decine di anni fa) per furto e rapina.

All’esito degli accertamenti è emerso che dal mese di giugno scorso ad oggi, con reiterate condotte minacciose, avanzava telefonicamente, con telefonate mute e messaggi SMS (facendo uso del numero grazie agli scontrini fiscali emessi, sui quali è indicato), da diverse cabine telefoniche site tra San Mauro Mare, Bellaria e Rimini, richieste estorsive, per futili motivi, nei confronti del titolare di una nota attività commerciale di rivendita ortaggi, sita in Gatteo a Mare, rendendosi altresì responsabile dell’incendio appiccato nei confronti dello stesso esercizio, nel corso della nottata dello scorso 18 settembre. Il fuoco era partito dai bancali in legno posti davanti alla porta di ingresso, adibiti e usati per esporre le cassette di frutta e verdura ed aveva danneggiato la porta di ingresso che è andata completamente distrutta, ha interessato alcuni scaffali interni vicini alla porta di ingresso, la tenda retrattile posta sopra alla porta di ingresso e il calore faceva fondere i materiali in plastica siti all’interno del negozio, mentre il fumo anneriva tutta la parete interna ed esterna e il terrazzo soprastante. L’incendio non causò danni a persone. Le indagini sono state dirette dal Sostituto Procuratore di Forlì, dott.ssa Lucia Spirito.

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com