Usa 2020: sprint finale, dai dibattiti all’Election day

Con il confronto tv in Ohio tra Donald Trump e Joe Biden inizia la volata finale verso l’election day. Ecco le principali tappe dell’ultima fase della lunga stagione elettorale americana.

I DUELLI TV – L’appuntamento di Cleveland apre la serie dei tre dibattiti presidenziali in programma prima del 3 novembre, il giorno del voto: 90 minuti senza interruzioni pubblicitarie alla Case Western Reserve University. A moderare il Superbowl della politica americana è il conduttore di Fox Chris Wallace. Il prossimo appuntamento è per il 15 ottobre all’Adrienne Arsht Center for the Performing Arts di Miami: sarà moderato da Steve Scully di C-Span e sarà in stile town-hall, con le domande del pubblico. Il terzo ed ultimo confronto è in programma il 22 ottobre alla Belmont University di Nashville, in Tennessee, e sarà condotto da Kristen Welker di Nbc. Il primo e unico faccia a faccia fra i due candidati alla vicepresidenza, Mike Pence e Kamala Harris, si terrà il 7 ottobre alla University of Utah di Salt Lake City e sarà moderato da Susan Page di Usa Today.

L’ELECTION DAY IL 3 NOVEMBRE – Cade sempre il primo martedì di novembre, ogni quattro anni. E’ il giorno del voto in cui gli elettori americani dovranno decidere se rieleggere Donald Trump per altri quattro anni o riconsegnare la Casa Bianca ad un democratico. Ma il 3 novembre si vota anche per rinnovare una parte consistente del Congresso: l’intera Camera dei Rappresentanti e un terzo del Senato. Probabile che il vincitore non si conoscerà nella notte, se ci saranno ritardi legati al voto per posta, fortemente aumentato a causa del coronavirus. I due candidati alla presidenza e i rispettivi partiti hanno messo insieme stuoli di avvocati per le annunciate controversie legali.

LA TRANSIZIONE – E’ il processo per il trasferimento formale dei poteri dal presidente uscente al presidente eletto, se dovesse cambiare. Avviene tra l’election day e l’inauguration day. Se ne occupano i ‘transition team’ dei due candidati.

L’INAUGURATION DAY DEL 20 GENNAIO – Il vincitore inizierà il suo mandato presidenziale il 20 gennaio 2021, con la cerimonia del giuramento a Capitol Hill. Resta un’incognita se lungo il National Mall ci sarà folla, a causa della pandemia. Per ora comunque è confermata la tradizionale parata lungo Pennsylvania Avenue, la principale arteria di collegamento tra Capitol Hill, sede del Congresso, e la Casa Bianca. 

   


Fonte originale: Leggi ora la fonte